Blog di Galatina. Fai sentire la tua voce!

Se vuoi scrivere news, notizie, eventi, foto, video, contattaci

Basilica S.Caterina gioiello di storia&arte


scaterinacenotafio.jpgaperrone-scaterinafacciata.jpgLa costruzione della basilica di Santa Caterina risale al 1369 (e non ad un’epoca successiva come qualcuno sostiene in alcuni testi di storia locale) come si può rilevare da una epigrafe presente all’interno dell’edificio dell’ospedale vecchio in via Pietro Siciliani. La chiesa è stata voluta, unitamente alla costruzione dell’ospedale e del convento, da parte di Raimondo Orsini Del Balzo. Questi, conosciuto meglio nella storia con il nomignolo di Raimondello per distinguerlo dallo zio Raimondo Del Balzo già feudatario della contea di Soleto e Galatina, volle aggiungere al suo cognome originario Orsini quello dei Del Balzo sia per affetto verso la madre sia per ringraziare lo zio che gli aveva preservato la contea che il padre, invece, voleva assegnare al primogenito Roberto. L’ambizioso Raimondello, pur essendo un cadetto, era andato a guadagnarsi onore e gloria in oriente combattendo contro gli infedeli. Tornato in patria con un forte contingente di cavalieri ( si dice che fossero 500 cavalieri britannici ) decisi a tutto prese possesso della contea e decise di far costruire una chiesa come quella che aveva visto sul monte Sinai dedicata a Santa Caterina da Alessandria. La chiesa fu consacrata nel 1391 come si evince dalla iscrizione esistente sul portalino d’ingresso di sinistra dell’edificio e fu affidata all’ordine dei Frati Minori Francescani di osservanza bosniaca i quali, ancora oggi reggono le sorti della chiesa e del convento tranne un breve periodo dal 1494 al 1507 durante il quale ci fu l’ordine degli Olivetani ( vedi articolo altari contrapposti ). Nel 1404 la chiesa, con bolla pontificia del papa Bonifacio IX (Pietro Tomacelli di Casaranello), fu svincolata dalla diocesi vescovile di Otranto e fu posta sotto la diretta giurisdizione papale. Un ruolo importante per la chiesa di Santa Caterina fu recitato da Maria D’Enghien, moglie di Raimondello, la quale fu la committente degli affreschi, tutt’ora visibili, che sono tra l’altro il più grande ciclo di affreschi della regione Puglia, realizzati tra il 1417 ed il 1446 anno della sua morte.
Fu infatti in quel periodo che Maria D’Enghien, divenuta vedova per la seconda volta dopo la morte del primo marito Raimondello e del secondo Ladislao di Durazzo, re di Napoli, volle sostituire i vecchi affreschi con quelli che ancora oggi sono visibili e che richiamano la storia e le vicissitudini della famiglia Orsini Del Balzo. La basilica di Santa Caterina d’Alessandria, monumento principe di Galatina, si affaccia su piazzetta Raimondello Orsini. L’esterno della basilica è di chiaro stile romanico. La facciata triscupidata, un tempo affrescata con scene della crocefissione di Gesù Cristo come si può ricavare da alcuni bozzetti di Pietro Cavoti custoditi nel museo comunale, è abbellita da un rosone centrale, da due rosoncini laterali e da un bel portale di stampo orientale sormontato da un bassorilievo con Gesù e i dodici apostoli.
L’interno della basilica è di stile gotico con gli archi a tutto sesto e si richiama un po’ alla basilica superiore di Assisi. Le pareti ed il soffitto sono completamente affrescati da pittori probabilmente di scuola napoletana anche se, in alcune pitture, affiora il gusto giottesco mediato dall’influenza bizantina dei pittori locali. Esistono diversi strati di affreschi; quelli che oggi possiamo vedere si riferiscono al periodo che va dal 1417 al 1446 cioè al periodo che coincide con il ritorno a Galatina di Maria D’Enghien rimasta vedova di Ladislao Durazzo, re di Napoli, sposato in seconde nozze nel 1406 dopo la morte del primo marito Raimondello Orsini Del Balzo che volle la costruzione della chiesa, del convento e dell’ospedale. Nella navata centrale, nella prima campata, sia sul soffitto formato dalle vele sia sulle pareti è rappresentata la storia dell’Apocalisse scritta dall’evangelista Giovanni con chiari riferimenti alla vita della committente Maria D’Enghien. Nella seconda campata, sulle vele, è rappresentata una allegoria della Chiesa ed i Sacramenti, mentre sulle pareti è rappresentata la Genesi. Nella terza campata mentre sulle vele sono raffigurati angeli, arcangeli, cherubini e serafini, sulle pareti è affrescata la vita di Gesù. Nella quarta campata, quella che forma il presbiterio sopraelevato, sono disegnati i quattro evangelisti ed i dottori della Chiesa sulle vele mentre sulle pareti la vita di Santa Caterina d’Alessandria. Sul lato destro del coro ottagonale, iniziato nel 1450 e terminato nel 1460, è collocato il cenotafio di Raimondello Orsini Del Balzo mentre in fondo al coro quello del figlio Giovanni Antonio. Anche i due deambulatori e le due navate laterali sono ricchi di affreschi di Santi e Madonne; in particolare sulle pareti della navata destra è rappresentato il ciclo mariologico con diversi spunti presi dai vangeli apocrifi. Fanno parte del tesoro della basilica, oltre alle 128 reliquie di Santi custodite in preziose teche, un dito di Santa Caterina staccato alla Santa mummificata con un morso da Raimondello Orsini nella chiesa sul monte Sinai in occasione di un pellegrinaggio, una costola di S. Biagio, il braccio di S. Petronilla (figlia di S. Pietro), una parte del teschio di S. Andrea, i denti di S. Donato ed una mammella di Sant’Agata sottratta dallo stesso alla cattedrale di Gallipoli e portata a Galatina. La reliquia è ancora oggi reclamata dai gallipolini. Il tesoro è costituito anche da un minimosaico bizantino di tessere dorate di cui esistono due sole copie al mondo, da un calice d’argento dorato con dei pregevoli ricami , una Madonna della Rondine in alabastro opera del maestro napoletano Tino da Camaino.
Il chiostro, ricostruito alla fine del XVII secolo con il quadriportico così come oggi abbiamo la possibilità di osservare, fu ingentilito da pitture raffiguranti scene dell’epopea francescana. Queste pitture di fra’ Giuseppe da Gravina del 1696 furono l’ultimo ciclo di pitture fatte in questo magnifico scrigno dove sono nascosti altri gioielli che speriamo di rivedere un giorno riportati al loro antico splendore originario e non lasciati nel limbo in cui attualmente si trovano. Un esempio su tutti l’originale coro ligneo del XIV secolo con impresso lo scorpione simbolo di Maria D’Enghien dimenticato in una stanza del convento; lo stesso locale che per anni ha custodito il Tabernacolo di fra’ Giuseppe da Soleto oggi recuperato, dopo il lungo abbandono, ed esposto alla visione dei fedeli.

autore: Raimondo Rodia

Non ci sono ancora commenti per questa notizia

Puoi lasciare un commento, sottoscrivere il feed RSS o inviare un trackback.

Scrivi un commento





penyu


Vuoi aiutare Gallipoli a diventare ancora più bella ?

Domenica 26 Ottobre si svolgerà a Gallipoli il 1° Eco Day. L'evento apre la strada a una serie di iniziative volte..

Galatina

Murlo : Corso Yoga tante novità

Inizia il corso di yoga a Casciano di Murlo. Il corso si terrà nei locali dell'ex asilo in Via del Lagaccio tutti..

Murlo

Licenza - Riceveranno la pensione il 10 del mese.

Riceveranno la pensione il 10 del mese, a partire dall'anno prossimo, solo le 800mila persone che godono del doppio assegno Inps-Inpdap (dipendenti pubblici). È quanto precisa in un tweet il..

Licenza

Concerto live della Blood Rockers band e Ciantarines di Soraga

Sabato 25 ottobre alle 20.45 all'oratorio di Pozza di Fassa è previsto un concerto della Blood Rockers band e Ciantarines..

Moena

La nuova pista ciclabile di Aversa sarà a norma?

Aversa 19/10/2014 La mobilità sostenibile passa anche attraverso progetti per la realizzazione di percorsi ciclabili, spesso però capita che questi progetti servono solo a sperperare i soldi pubblici visto che la..

Aversa

SABATO 18 OTTOBRE - FIERA AGRICOLA REGIONALE DI ABBIATEGRASSO

Comunicato stampa-AL VIA LA 531ª FIERA AGRICOLA REGIONALE DI ABBIATEGRASSO Sabato 18 ottobre alle ore..

Albairate

Campodarsego - Non lamentatevi ancora, per carità.

Non si sarà nessuno, spero, che oserà stupirsi delle malefatte di Galan. Come ben ha detto Cacciari l'avete votato ben tre volte presidente. Non vi resta che una cosa da..

Campodarsego

Quel che resta di “PassKey”

L’oniricità inconscia è quel che resta di “PassKey”, ovvero la “chiave universale” per il “sogno” rispetto all’incubo del “dissacrato rapporto odierno tra uomo e natura”.

Cetona

ELEZIONI PROVINCIALI 2014 PROVINCIA DI AVELLINO I RISULTATI CON GLI ELETTI

E' Domenico Gambacorta (Forza Italia) il nuovo presidente della provincia di Avellino. Il sindaco di Ariano Irpino, che e' anche vice..

Flumeri
Previsioni meteo per la tua città

Prossimi eventi in città

Locali di Galatina