Blog di Galatina. Fai sentire la tua voce!

Se vuoi scrivere news, notizie, eventi, foto, video, contattaci

Giuseppe Caforio IDV contro il rigassificatore di Brindisi


senatore-idv-giuseppe-caforio.jpg“Ormai è risaputo che da un po’ di tempo, a parte le infelici dichiarazioni, a mezzo stampa e televisivo, dell’ing. Monteleone, c’è, sotto sotto, un intenso lavoro delle lobby a 360° che sta man mano investendo le varie istituzioni e chi in esse vi opera. A partire dall’allontanamento dal fronte del no del presidente della Provincia di Brindisi, Massimo Ferrarese che ormai a chiare lettere è tornato agli interessi primari, da lui sostenuti quando era Presidente della Confindustria Brindisi, da più parti si coglie la tendenza all’inversione di campo. Ritengo che Ferrarese, prima di porsi il problema di sentire l’intero Consiglio provinciale, avrebbe dovuto apertamente manifestare la sua posizione ( tra l’altro farebbe ancora in tempo a farlo, sic), in merito alla realizzazione del rigassificatore a Capobianco, tutto questo al fine di rispettare quel famoso accordo di maggioranza al quale ha aderito, prima del confronto elettorale. Dico questo in quanto so bene e non sono il solo che l’idea del Presidente della Provincia è un pò la linea guida dell’operato amministrativo di cui Ferrarese è a capo. Realizzare il rigassificatore a Capobianco è castrante e pericoloso per la Città di Brindisi e non a caso la posizione del Sindaco Mennitti, rimane contraria a tutto questo, pur andando contro la linea politica del suo partito di riferimento che a livello nazionale è il partito di governo, e nonostante ciò, gli và dato atto, rimane fermo nel suo diniego a questo progetto. Non può la gente di Brindisi ancora una volta piegare la testa al solito ricatto occupazionale, che in tempi come questi trova facili accoliti in quanto la crisi morde e la gente ha sempre più bisogno di lavoro. Infine oltre al ricatto c’è un elemento che rimane sottaciuto o ignorato artatamente da molti, quello della sicurezza e quello dell’arretramento dello sviluppo del porto di Brindisi che tornerebbe indietro di 80 anni, con buona pace del traffico turistico e commerciale, quindi un condizionamento da parte di un privato sulle scelte di interesse generale. Ritornando al fattore sicurezza non si ha notizia del NOF ( Nulla Osta di Fattibilità) che pare essere stato trascurato dalla LNG, nonostante il Ministero dell’Ambiente ne avesse chiesto un aggiornamento. Non si capisce perché non sia stato preso in considerazione il pericolo che può generare in un porto come quello di Brindisi che morfologicamente è inserito in contesto che dovrebbe essere tutelato dalla regolamentazione della Legge Seveso. Insomma la LNG nel percorso fatto di atti autorizzativi, non sta dimostrando molta trasparenza, anzi spesso ci troviamo di fronte a dichiarazione fumose, arroganti e poco chiare, finora non ho letto da nessuna parte quante navi gasiere attraccheranno, in quanto tempo il porto resterà bloccato e poi ultima grave dimenticanza di molti, quella relativa a quei famosi serbatoi interrati colmi di fosgene, residuato bellico, a non molta distanza da Capobianco, per i quali esiste un piano di evacuazione della città qualora dovessero esplodere, perché di questo non se ne parla ? Perché non si dice che già così com’è Brindisi è adagiata su un vulcano dormiente che potrebbe svegliarsi ? Quindi mi chiedo e chiedo a chi dovrebbe amare questa nostra Città e la sua gente: Ma vale questo gioco per la candela?”
Giuseppe Caforio
Senatore dell’Italia dei Valori
e componente del Copasir

Non ci sono ancora commenti per questa notizia

Puoi lasciare un commento, sottoscrivere il feed RSS o inviare un trackback.

Scrivi un commento





kodok


Pieveportomorone!! protocollata oggi "PETIZIONE"pro chiusura definitiva tratto Argine..

Protocollata in municipio stamane la petizione per chiusura definitiva strada Argine N. prot.2539!! Ad ora comunque le barriere anche dopo che..

Pieve Porto Morone

Come ti assalto un bar a colpi di Smerigliatrice, succede a Galatina, bottino alcune slot machines

La scorsa notte a Galatina, in via Alcide De Gasperi, quattro banditi con in testa un passamontagna, armati di flessibile angolare..

Galatina

Due secoli di Benemerita (anche a Pieve)

Tra le immancabili certezze degli oltre ottomila comuni d'Italia, ci sono sicuramente gli imprescindibili "Ufficio Postale" e "Caserma dei Carabinieri", un esempio di due..

Pieve Emanuele

Un Ape 8 figli.

Radio 3, una bella storia. Litorale romano, anni 50. Un motocarro Ape viene fermato dai carabinieri. Sul rimorchio, un telone copre oggetti imprecisati. Il brigadiere vede qualcosa che si muove..

Campodarsego

Comuni del Sud Ovest Milano-“NEL SUD OVEST MILANESE SI LAVORA PER IL RICOSCIMENTO FAO”

Comunicato Stampa-L’agricoltura torna protagonista per garantire sviluppo e benessere-Valorizzare l’ecosistema agricolo del..

Albairate

Anita Maria Leopold un’antropologa a Cetona

“Posso comprendere l’amore per Cetona, ma nei confronti dei cetonesi mi è difficile capire”. Ha esordito così il Sindaco di Cetona nel portare il suo saluto alla presentazione del libro..

Cetona

Orientamento in montagna con lo smartphone

Giovedì 10 luglio alle 20,30 presso la Sala Musica del Comune, è prevista una serata dedicata all’orientamento in montagna tramite smartphone. L’ultima..

Moena

San Giovanni Incarico/IV Memorial Antonio Renzi e Felicetta Mattone

Sabato 19 luglio alle ore 21 in Piazza Falcone e Borsellino di San Giovanni Incarico si vogliono ricordare i compianti Antonio..

San Giovanni Incarico

Anche l’Alta Irpinia si organizza: nasce Madre Terra

Anche l’Alta Irpinia si organizza: nasce Madre Terra dal CORRIERE IRPINIA DEL 30 06 2014 FLUMERI - Si chiama “Madre Terra” l’associazione che nasce a Flumeri con lo scopo «di..

Flumeri

Murlo : Murlo in musica

Murlo come sinonimo di luogo di arte e cultura, e  sede di concerti di vario genere nelle varie frazioni che possa..

Murlo

Prossimi eventi in città

Locali di Galatina